Skip to content

GARANZIA GIOVANI – Contributi per l’assunzione e per l’autoimprenditorialità

Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

image_gallery

Due grandi novità in casa Garanzia Giovani. La prima riguarda il raddoppio del bonus occupazionale concesso alle aziende che assumeranno dal 1 marzo al 31 dicembre 2016 giovani provenienti da un percorso di tirocinio di Garanzia Giovani. La seconda è invece l’introduzione del programma “SELFIemployment”, un fondo di finanziamento dedicato all’autoimprenditorialità.

In un contesto lavorativo in cui le aziende non sono spronate ad assumere, i bonus occupazionali che raddoppiano rappresentano un’opportunità da non perdere per le imprese, che potranno beneficiare di un importante sgravio fiscale.

 

Garanzia Giovani: il bonus occupazionale per le imprese

Si tratta di un incentivo economico alle aziende che offrono opportunità lavorative ai giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni che rientrino nella categoria dei cosiddetti NEET (né inseriti in un programma di formazione né occupati). L’importo del finanziamento dipende dal tipo di contratto proposto e dal profilo del soggetto che stabilisce la maggiore o minore difficoltà di un suo inserimento nel mondo del lavoro (una profilazione molto alta significa una maggiore difficoltà).

Qui di seguito la tabella del bonus occupazionale Garanzia Giovani che rimane in vigore fino a giugno 2017:

  • contratto a tempo determinato, somministrazione di durata uguale o maggiore di 6 mesi: media € 1.5000, bassa € 2.000;
  • contratto a tempo determinato, somministrazione di durata uguale o maggiore di 6 mesi: media € 1.5000, bassa € 2.000;
  • contratto a tempo indeterminato molto alta € 1.500 euro, alta € 3.000 euro, media € 4.500, bassa € 6.000 euro.

Per le assunzioni che avvengono dal 1 marzo al 31 dicembre 2016 questi importi vanno raddoppiati se il neoassunto proviene da un percorso di tirocinio nell’ambito del Programma Garanzia Giovani:

  • contratto a tempo determinato, somministrazione di durata uguale o maggiore di 6 mesi: media € 3.000, bassa € 4.000;
  • contratto a tempo determinato, somministrazione di durata uguale o maggiore di 6 mesi: media € 3.000, bassa € 4.000;
  • contratto a tempo indeterminato molto alta € 3.000 euro, alta € 6.000 euro, media € 9.000, bassa € 12.000 euro.

 

Come richiedere il bonus occupazionale di Garanzia Giovani?

Dopo essersi assicurati dell’iscrizione del lavoratore alla banca dati di Garanzia Giovani, l’azienda dovrà inviare la richiesta telematicamente.

Si dovrà inoltrare una domanda preliminare sul sito dell’INPS attraverso il modulo di istanza on-line “GAGI” dall’applicazione “DiResCo”. L’assunzione dovrà avvenire entro 7 giorni lavorativi dalla ricezione di comunicazione da parte dell’INPS. Entro 14 giorni lavorativi dalla comunicazione di prenotazione il datore di lavoro deve rendere nota l’avvenuta assunzione chiedendo conferma della prenotazione, pena la decadenza dei benefici.

 

Garanzia giovani e imprese: contratti di apprendistato e tirocini

Vi sono inoltre benefici anche per chi assume con un contratto di apprendistato volto al conseguimento di una qualifica o diploma professionale. Si tratta di un bonus fino a € 10.000 per i maggiorenni e fino a € 9.000 per i minorenni.

Garanzia Giovani prevede anche percorsi di formazione attraverso tirocini, la cui organizzazione è demandata alle singole regioni, per i quali si prevedono retribuzioni dai 300 ai 600 euro.

 

SELFIEmployment: il fondo di finanziamento 4.200 giovani imprenditori

A partire da metà gennaio 2016 verranno erogati prestiti da un minimo di € 5.000 a un massimo di € 50.000, per un iniziale bacino di utenza di 4.200 nuovi imprenditori.

Si chiama SELFIemployment ed è un fondo di finanziamento di 124 milioni di euro, nato all’interno del programma Garanzia Giovani per promuovere l’autoimpiego dei giovani non inseriti in un percorso formativo o lavorativo (NEET).

I prestiti verranno dati senza interesse, né garanzie personali, e con un piano di restituzione della durata massima di 7 anni.

Il piano prevede un accompagnamento e supporto post-startup attraverso l’aiuto alla predisposizione del business plan per l’avvio dell’attività imprenditoriale.

Attraverso la restituzione dei prestiti si prevede che il fondo sarà disponibile per tutta la durata della programmazione, cioè dal 2014 al 2020, con al speranza di ampliare il bacino di utenza oltre la sola categoria dei NEET.

 

Modalità e condizioni per l’accesso al finanziamento

Potranno accedere al fondo i giovani iscritti a Garanzia Giovani che abbiano completato con successo i percorsi di accompagnamento e supporto all’avvio dell’attività di start-up. A partire da metà gennaio 2016 sarà possibile inoltrare le domande di finanziamento esclusivamente online all’agenzia Invitalia (Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e sviluppo d’impresa), che delibererà entro 60 giorni dalla presentazione delle stesse.

 

Per ulteriori chiarimenti e/o assistenza può contattarci al numero 0824/29845

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *