Skip to content

COVID-19: CAMPANIA IN ZONA GIALLA. ECCO COSA SI PUÒ FARE

Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 14 gennaio 2021, che prevede nuove disposizioni per il contenimento del Covid-19. Il Decreto, che conferma la Regione Campania in zona gialla, prevede due importanti novità:

  • Dal 16 gennaio 2021 al 15 febbraio 2021, sull’intero territorio nazionale è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, anche se zone gialle, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. E’ comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione;
  • Dal 16 gennaio 2021 al 5 marzo 2021, sull’intero territorio nazionale, lo spostamento verso una sola abitazione privata è consentito, una volta al giorno, fra le ore 05:00 e le ore 22:00, e nei limiti di due persone oltre ai minori di anni 14 e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Per la Regione Campania resta in vigore il divieto di assembramenti e il coprifuoco dalle 22:00 alle 5:00, con relativo obbligo di autocertificazione anche per spostamenti verso altra Regione o Provincia Autonoma giustificati da motivi di salute, necessità o lavoro.
Sempre vietato spostarsi verso le seconde case, se si trovano fuori dalla Regione e resta obbligatoria la mascherina all’aperto e in luoghi chiusi, tranne durante l’attività sportiva, per bambini al di sotto dei 6 anni e per soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

COSA CAMBIA PER LE ATTIVITÀ IN CAMPANIA

  • Ristoranti aperti fino alle ore 18:00. Consegna a domicilio sempre consentita. Consentito asporto dalle 5:00 alle 22:00
  • Bar, gelaterie e pasticcerie aperte fino alle ore 18:00. Consegna a domicilio sempre consentita. Vietato asporto dopo le 18:00, a differenza di quanto previsto finora (per le attività identificate da codici ATECO 56.3 e ATECO 47.25).
  • Un’altra novità è la possibilità per le mostre e musei di restare aperti nei giorni feriali
  • Chiusi palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta salva l’erogazione di prestazioni riabilitative o terapeutiche. Restano aperti centri e circoli sportivi
  • Chiusi teatri e cinema
  • Chiusi sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò
  • Chiusi i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi
  • Sempre aperte farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole
  • Consentita assistenza a parenti o amici non autosufficienti, nel rispetto dei protocolli anti-covid
  • Parrucchieri aperti
  • Centri estetici aperti
  • Chiese aperte e funzioni religiose consentite nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal governo
  • Restano aperte le industrie ed i cantieri
  • Capienza massima dei mezzi pubblici al 50%
  • Smart working ove possibile
  • Vietate feste al chiuso, sagre, fiere ed eventi analoghi
  • Vietati sport di squadra amatoriali
  • Consentiti sport individuali all’aperto
  • Chiusi impianti sciistici fino al 15 Febbraio