Resto al Sud: sei giovane e vuoi diventare un imprenditore? Incentivi per te!

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Resto al sud 2018 II

Resto al Sud: sei giovane e vuoi diventare un imprenditore? Incentivi per te!

Con il Decreto “Resto al Sud” introdotto dalla Legge “Mezzogiorno”, si vogliono agevolare i progetti imprenditoriali presentati dai giovani dai 18 ai 35 anni con  finanziamenti al 100% per l’avvio di nuove imprese.

Sulla Gazzetta ufficiale del 5 dicembre 2017 è stato pubblicato il decreto n. 174-2017 contenente il regolamento attuativo della misura Resto al Sud, la presentazione delle domande per ottenere gli incentivi, ha avuto inizio dal 15 gennaio 2018.

Beneficiari

Possono presentare domanda di agevolazione i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni, residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna. Al momento della presentazione della domanda, i richiedenti devono risultare costituiti come impresa individuale o società o cooperative, da non prima del 21 giugno 2017, oppure devono costituirsi come tali entro sessanta giorni dalla data di comunicazione del positivo esito dell’istruttoria.

In particolare le società possono essere costituite anche da soci che non abbiano i requisiti anagrafici predetti, a condizione che la presenza di tali soggetti nella compagine societaria non sia superiore ad un terzo e che gli stessi non abbiano rapporti di parentela con alcuno dei soggetti richiedenti; le persone fisiche beneficiarie delle agevolazioni, non dovranno essere titolari di rapporti di lavoro a tempo indeterminato a pena di decadenza.

Progetti ammissibili

Sono finanziate le iniziative imprenditoriali relative alla produzione di beni nei settori dell’artigianato, industria, pesca ed acquacoltura, ovvero relative alla fornitura di servizi, compresi i servizi turistici.

Sono escluse dal finanziamento le attività libero professionali e del commercio ad eccezione della vendita dei beni prodotti nell’attività di impresa.

Spese ammissibili

  1. opere edili relative a interventi di ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria connessa all’attività, nel limite massimo del 30% del programma di spesa;
  2. macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica;
  3. programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della telecomunicazione;
  4. spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all’attività finanziata.

I contributi erogati non possono essere utilizzati per sostenere spese notarili, il pagamento di imposte sugli acquisti eseguiti (I.V.A.) e tasse.

Agevolazioni concedibili

Il finanziamento copre il  100% delle spese ammissibili:

  1. 35% come contributo a fondo perduto;
  2. 65% finanziamento bancario, a tasso zero fino al 65% delle spese ammissibili, da rimborsare entro otto anni dall’erogazione del finanziamento.

L’intera operazione può essere assistita dalla garanzia pubblica del Fondo di Garanzia delle P.M.I. a copertura dell’80% dell’importo del finanziamento bancario.

Ciascun soggetto richiedente riceve un finanziamento fino ad un massimo di 50.000 euro. Nel caso in cui l’istanza sia presentata da più soggetti richiedenti, già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, l’importo massimo del finanziamento è pari a 50.000 euro per ciascun soggetto richiedente fino ad un ammontare massimo complessivo di 200.000 euro.

Presentazione Domande

Le domande potranno essere presentate a partire dal 15 gennaio 2018 e saranno prese in esame sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello.

 

Per ulteriori informazioni contattare CLAAI UPAPI Benevento al numero 082429845.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 1 =